Menu

Chiesa di S. Maria Assunta

Gallery fotografica

Cenni storici

La chiesa di Santa Maria Assunta sorge in località Trevozzo all’interno del centro abitato. Venne edificata inizialmente a fine XVII secolo per volontà del parroco Antonio Maria Nibbio, consacrata poi nel 1705 dal vescovo Barni.
In tempi più recenti, tra il 1997 e il 1998, venne eseguito il restauro del cornicione e dei pilastri della chiesa parrocchiale.
Al suo interno sono custoditi affreschi di Bartolomeo Rusca datati attorno al 1715 e un prezioso cimelio verdiano, l’organo “Bossi”, proveniente dalla chiesa di Santa Maria degli Angeli a Busseto, che Giuseppe Verdi iniziò a suonare quando era ancora fanciullo.

Caratteristiche e decorazioni

Il tempio, come lo conosciamo ora, fu costruito in eleganti forme barocche sul finire del Seicento.
La sagrestia è in parte costruita sui resti della antica chiesa plebana, di cui si conserva un’abside laterale. La separazione tra la facciata è enfatizzata dal cornicione aggettante e dalle volute che si aprono al secondo livello, e al tempo stesso mitigata dalla continuità dei gruppi di paraste che, correndo dallo zoccolo sino al timpano, vi terminano la loro prospettica ascesa negli angoli spezzati; il medesimo gioco armonioso si ripete in forma semplificata nel campanile.